mercoledì 19 agosto 2015

La festa ungherese più sentita.

Il 16 agosto è Santo Stefano, ma gli ungheresi hanno spostato i festeggiamenti in suo onore al 20 agosto, giorno in cui le sue spoglie sono state trasferite a Buda e data che sarebbe coincidente con quella in cui sarebbe stato eletto re. Stefano I è stato il primo re del regno d'Ungheria (997-1038) e nel 1083 fu canonizzato da papa Gregorio VII (dopo il 2000, è santo anche per la chiesa ortodossa).
Così il 20 agosto in Ungheria è festa nazionale, la più sentita e condivisa.
La capitale Budapest attira un gran numero di visitatori con varie manifestazioni musicali e folcloristiche, oltre che istituzionali, compresi volo acrobatico sul Ponte delle catene e fuochi d'artificio serali.
Nella basilica di Santo Stefano, a Budapest, è conservata come reliquia la mano destra del santo sovrano. A metà Ottocento la processione della 'sacra destra' divenne molto popolare e accorrevao a Budapest magiari da tutti gli angoli del paese con i tipici costumi. Alla processione si aggiunsero li annni altri eventi (ma durante il regime socialista i festeggiamenti erano in tono minore), fino ad arrivare alla odierna febbre da shopping.
La corona di Santo Stefano (Szent Korona, non si sa se sia l'originale), simbolo dell'identità nazionale, è conservata invece presso il Parlamento ungherese.
Eventi collaterali in questa festività sono il Festival del Folclore (danze e musiche popolari) e la Sagra dei mestieri, nei pressi del Palazzo reale, con artigiani da tutta l'Ungheria.