lunedì 2 dicembre 2013

Proverbio/detto ungherese del mese (1008).



A legjobb ostor az abrak, letteralmente “la miglior frusta è il foraggio”. Questo è il 1008° proverbio (che prolunga la mia raccolta) dal significato inequivocabile: con le buone maniere si ottengono i risultati migliori.
Più sfumato l’equivalente italiano: quel che si risparmia in fieno va poi in frusta. Insomma, bisogna ricordare che lesinare sulla “giusta mercede” porta poi ad usare le maniere forti.
Ma il giovane Giusti sentiva spesso dal suo maestro quest’altro proverbio che sembra l’opposto: val più una frusta che cento arri là, cioè con gli asini (in senso metaforico) è meglio usare il bastone piuttosto che il richiamo verbale.

Si è poi affermato un modo di dire che apparentemente sta a metà strada: usare il bastone e la carota, in ungherese “büntetés és jutalmazás” (punizione e premiazione), oppure “furkósbot és mézesmadzag” (randello ed esca). Un sinonimo in ungherese è il modo di dire “Húszd meg, ereszd meg!” (tira, molla!), utilizzato anche con altri significati: il gioco “tiremmolla” (húszd meg-ereszd meg játék); oppure un tipo di politica monetaria, per serrare/allentare il credito (in inglese tightening/loosening).
Questo detto consiglia la tecnica di alternare buone e cattive maniere per ottenere qualcosa, sebbene lasci senza orientamento morale il singolo individuo nel discernere quando usare le une o le altre. Degenerazione di tale tecnica è quella “del poliziotto buono – poliziotto cattivo”: una tattica psicologica usata negli interrogatori spietati, oppure nelle aziende come forma di “mobbing”.

Segnalo la nuova edizione della raccolta di modi di dire di Erasmo da Rotterdam (1466-1536): Modi di dire Adagiorum collectanea (Einaudi, € 85), tradotti e commentati da Carlo Carena.
Erasmo rifiuta l’idea “che ogni motto sia necessariamente un proverbio, e viceversa un proverbio sia automaticamente un motto”. Gli interessano i modi di dire con due qualità: l’espressione metaforica e la provenienza dal patrimonio della tradizione. Erasmo non cerca la conferma dell’evidente, ma il contenuto sapienziale nascosto, poiché concepisce la raccolta come un manuale di saggezza e di stile. Il suo fine è l’utopia umanista: un mondo pacificato all’insegna di una condivisione fondata sulla parola, sull’approfondimento critico e sul confronto dialettico.



OFFERTA/AKCIÓ!  
Per Natale potete acquistare la mia raccolta di proverbi con lo sconto del 25%, entro il prossimo 15 dicembre.
Si acquista sul sito www.youcanprint.it e si inserisce il codice NATALE13.
Auguri e buone feste! Boldog ünnepeket!